Calze e Befana

Calze e Befana sono il giusto binomio per festeggiare l’epifania che tutte le feste porta via e con essa fa la gioia dei bambini con industriali quantità di cioccolata e caramelle.

calze e befana
Calze e Befana il binomio giusto per festeggiare l’epifania per la gioia dei più piccoli e … dei dentisti

Il 6 gennaio si festeggia l’Epifania e il simbolo di questa festa per i bambini è la Befana assieme alla calza per i dolciumi o carbone appesa nei caminetti o nella maniglia della porta.

Ma cosa serve per festeggiare la Befana? Cosa mettere nella calza della Befana? Ora vi darò gli ingredienti giusti per non far sfigurare la Befana che è “in te”… senza offesa ovviamente.

  • Una calza: la più grande che avete, che sia fatta di lana dalla vostra nonna o di quelle che vendono nelle bancarelle durante il Natale va più che bene.
  • Caramelle gommose di gelatina ( che a Padova chiamo ciuccetti)
  • Frutta secca come arachidi e noci, anche i pistacchi vanno bene.
  • Monetine di cioccolato con carta dorata… mi ricorda me da bambino, sembravano i dobloni d’oro dei pirati.
  • Mandorlato, torroncini e altri dolciumi a prova di dietisti e dentisti..
  • Un po’ di vitamine con mandarini o arance
  • La vostra fantasia, senza dimenticare il carbone,,, quest’ultimo è importante per far capire quanto bisogna essere buoni durante l’anno.

La notte tra il 5 e il 6 gennaio appunto vengono appese delle calze in attesa che la Befana, questa anziana vecchietta, possa riempirle di dolciumi e leccornie. Per i bimbi un po’monelli c’è sempre del carbone.

la befana

Consigli sulla calza della befana, ce ne sono parecchi e se volete riempire la calza della befana senza spendere una follia in tempi più duri ecco qui per te il “manuale della befana” con le istruzioni per realizzare la calza fatta con le proprie mani.

mercatino di Natale sotto il Palazzo Della Ragione a Padova
mercatino di Natale sotto il Palazzo Della Ragione a Padova

Scegliete il tipo di calza che volete usare. Decidete se acquistare le calze vuotein commercio sono spesso sonore, con decorazioni e peluche) oppure usate i normali calzini di lana o “le pantofole da casa invernali” e riempitele con le caramelle.
I calzini di lana di contro hanno il problema che man mano che essi vengono riempiti con il peso si allungano, il tessuto si allenta e lascia più spazio.

Auguri Natale fioreria sarmeola

La calza va selezionata in relazione alla persona alla quale la regalate. Se è per il vostro figlia, ovviamente non scegliete una calza azzurra e viceversa per vostra nipote non sceglietene una blu! Una volta che avete scelto che tipo di calza usare, dovete scegliere cosa inserirvi. Anche il contenuto va naturalmente scelto in base alla persona interessata.

Se conoscete i gusti della persona a cui la regalerete è decisamente un’ottima cosa. Se questa persona, ad esempio, odia i caramelle gommose, è meglio evitare di metterli nella calza.

Fiori Padova online

Decidete se riempirla solo di cioccolatini, caramelle e liquirizie, ovvero, cose piccoline o anche di dolciumi grandi! Fatela mista, con cose grandi e piccole insieme, costerà di meno, la riempirete prima e risparmierete.

Se la persona a cui la regalate ama il cioccolato fondente, preferite questo tipo di cioccolato a quello al latte, se invece la calza è per un bimbo o non conoscete la preferenza della persona a cui la regalate, optate per un misto tra cioccolato al latte e fondente.

Dopo aver comprato i pezzi che desiderate , iniziate a riempire la calza con i pezzi più grandi, poi, man mano, quelli più piccoli, fino a dover mettere, poi, i cioccolatini, caramelle, insomma a “scalare” di dimensioni.

Usate anche frutta secca e mandarini, arachidi o noccioline per esempio.

Se volete giocare un po’ con la persona alla quale la dedicate, potete metterci un po’ di carbone dolce o, se proprio volete fare un simpatico dispetto, potete metterci un pezzo di carbone vero avvisando il destinatario della calza.

Comunque noi di Fioreria Sarmeola vi auguriamo una buona epifania o Befana e buona fortuna se avete il biglietto vincente della Lotteria Italia!

Precedente Il colore rosso: tradizione per fine anno Successivo La Befana, la vera storia