Consigli per un basilico perfetto

Consigli per un basilico perfetto pronto per essere usato in cucina o per decorare con piante aromatiche la vostra casa.

Il basilico non può mancare sul balcone di provetto cuoco: a volte però la piantina, seppur curata con amore, non contraccambia in termini di foglie, lasciandoci con una sgradevole sensazione da “pollice nero” e senza la soddisfazione di poter dire questo pesto l’ho fatto io con il basilico del mio balcone.

Basta conoscere qualche trucco di coltivazione: nulla di complicato, applicandoli vedrete che sul vostro balcone crescerà il basilico perfetto pronto per essere utilizzato a tavola, su sugo, pizza o arrosti.

La prima cosa da sapere è che i vasetti neri che acquistate al supermercato non contengono un solo basilico ma tante piantine di basilico. Quindi se avrete la pazienza di dividerle e trapiantarle in un vaso più grande, otterrete una massa di foglie che basterà anche per parenti, amici e la vostra via…

Basilico genovese, piccole piante aromatiche
Basilico genovese, piccole piante aromatiche

La seconda cosa da sapere per avere un basilico pieno di foglie è che non dobbiamo lasciare che fiorisca. I fiori sono per la pianta il segno che il risultato è raggiunto: gli insetti impollineranno le corolle e si formeranno i semi. Ogni stelo di basilico in buona salute fa fiori: si presentano come spighette di fiorellini bianchi. Per evitare la formazione dei fiori, la cosa ideale è tagliare spesso le punte degli steli. Questo tra l’altro spingerà la pianta a fare più rami e quindi più foglie.

Molti decidono di raccogliere le foglie per un sugo, di tagliare quelle in basso, più grandi, risparmiando quelle giovani per paura che il basilico smetta di crescere. Sbagliato: il basilico si taglia dalle punte, appena sopra una delle sue biforcazioni, più o meno ad un terzo della sua altezza.

Precedente Come si coltiva il Goji Successivo Decorare casa con erbe aromatiche