L’alfabeto dei fiori: la lettera E

L’alfabeto dei fiori: la lettera E

Per la rubrica l’alfabeto dei fiori oggi ci occuperemo di tutto ciò che è fiorito o verde che inizia con la lettera E.

  • Elleboro
  • Elicornia
  • Euphorbia
  • Edera

L'alfabeto dei fiori_ la lettera E

  • Euphorbia: è un’arbusto spinoso, inizia con la lettera E dell’alfabeto, che può’ arrivare ad un’ altezza di 2 metri, con fiori piccoli ornati di bratte rosse e gialle. Simile alle cactacee,si differenzia grazie ai fiori riuniti ed alla presenza di un latte urticante al suo interno. Fusto corto con molte ramificazioni che presentano venature in rilievo, su di esse si innestano delle lunghe spine scure; le foglie sono verde chiaro e tendono ad essere molto delicate, infatti, cadono subito se la pianta subisce sbalzi di temperatura.

Euphorbia nei matrimoni

  • Elicornia: anche se questo fiore ha un H e non la lettera E. Piante come queste venivano un tempo considerate del genere musacee, per la loro somiglianza alle piante di banano; grandi foglie, lunghe fino a 100-150 cm, su lunghi fusti eretti o portate da sottili piccioli, ovali, leggermente cerose, costituiscono arbusti o ampi cespi; da marzo a ottobre producono grandi infiorescenze molto vistose, a forma di pannocchia, costituite da brattee rigide, cerose, tra cui sbocciano piccoli fiori. Le brattee sono di vario colore, dall’argento al rosso acceso, dal giallo al fucsia. Piante da appartamento, ma anche nelle aiole estive o come fiori recisi, poiché le infiorescenze resistono per settimane. In natura si sviluppano nell’America tropicale, in alcune isole del Pacifico ed in Indonesia.

heliconia

  • Elleboro: questo fiore invernale (anche se inizia in realtà con la lettera H e non la E) è chiamato comunemente Rosa di Natale. Appartiene alla famiglia delle Ranuncolacee.
Elleboro e pino in cesto natalizio
Elleboro e pino in cesto natalizio

Esistono diverse specie: l’Helleborus niger ( o rosa di Natale), l’Helleborus viridis (= elleboro verde), l’Helleborus foetidus (=”cavolo di lupo”), l’Helleborus Purpurascens( le sue foglie hanno un colore vere chiaro ed i suoi fiori sono grandi di colore violetto), l’Helleborus Abchasicus (con fiori bianco-rosei), l’Helleborus Odorus (con foglie bellissime e fiori penduli, odorosi, di colore verdastro) e l’Helleborus Orientalis (nativo della Siria, dell’isola di Antichira: ha bei fiori grandi e rosa).

Helleborus, elleboro o la rosa d'inverno
Helleborus, elleboro o la rosa d’inverno
Helleborus, elleboro o la rosa d'inverno
Helleborus, elleboro o la rosa d’inverno

Gli inglesi lo chiamano in generale hellebore, ma Christmas flower la specie Helleborus niger. In Francia lo chiamano Rose de Nöel. Nella lingua tedesca abbiamo due termini per chiamarla: Christrose o Schneerose. Questo fiore si presenta con cinque petali bianchi-rosacei. Appartiene alle specie delle erbacee perenni.

Elleboro-Helleborus-Rosa-di-Natale
Elleboro – Helleborus – Rosa di Natale

Secondo l’etimologia, questo termine deriva dal greco, Helleborus: è formata da due parole greche che significano”far morire ” e “nutrimento” che uccide, in riferimento alla sostanza venefica che contiene. Infatti tutta la pianta è altamente velenosa. Le parti più velenose sono il rizoma e le radici. La precauzione di lavarsi le mani dopo aver toccato le rose di Natale è una buona norma. Attorno a questa pianta sono sorte innumerevoli leggende.

Fiori online a Padova

  • L’Edera  è una pianta rampicante che appartiene alla famiglia delle Arialiacae. Cresce bene sia in giardino, sia in vaso in casa e sul balcone. Insomma, è una pianta rampicante facilissima da coltivare che si adatta a ogni condizione, regalandovi bellissime foglie verdi a forma di cuore, così resistente da sopravvivere anche in inverno.
  • L’eucalipto è un genere di alberi e cespugli appartenente alla famiglia delle Myrtaceae. Sono gli alberi più diffusi in Australia.  Si sono molto diffuse solo in queste zone perché la maggior parte di loro non è rustica. L’eucalipto in realtà è solo uno di tre generi molto simili e vicini che spesso vengono confusi. Gli altri si chiamano Corymbia e Angophora. Alcuni di questi vengono soprannominati “alberi della gomma” a causa del lattice che fuoriesce se viene incisa la loro corteccia. Il nome eucalipto deriva dal greco e significa “ben nascosto” con riferimento al fatto che i petali inizialmente nascondono il centro del fiore.
  • Erica:  costituita da centinaia di specie di piccoli arbusti, diffusi in gran parte dell’Africa, fino al mediterraneo e in Europa; con il termine, oltre alle molte specie di erica, si indica volgarmente anche l’unica specie esistente di calluna, calluna vulgaris, una piccola pianta strettamente imparentata con l’erica, a cui somiglia fortemente.

erica I fiori di erica sono piccoli, in genere campanulati, costituiti da una corolla quasi cilindrica, di colore bianco, rosa, rosso, porpora. Il fiore più grande è quello di Erica mammosa, che può raggiungere alcuni centimetri di lunghezza. L’Erica è diffusa in Italia, sia nei giardini, come pianta ornamentale, sia nel sottobosco o nei pressi delle zone umide.

  • L’Echeveria: genere che conta decine di specie di piante succulente, originarie dell’America centrale e meridionale. Producono dense rosette di foglie, molto compatte, di diametro variabile dai 2-3 fino ai 10 cm; spesso dalla base della rosetta principale si producono sottili stoloni, alla fine dei quali si sviluppano nuove rosette. Foglie sono carnose, di forma ovale o triangolare, talvolta con margine esterno ondulato o sfrangiato; il colore è vario, a seconda della specie le echeverie possono essere verdi, grigiastre, grigio-azzurre, rosate, ed esistono numerosi ibridi. In primavera inoltrata o in estate dal centro della rosetta cresce un lungo stelo, su cui sbocciano numerosi piccoli fiori campanulati, di colore rosato o rosso, con margine superiore dei petali giallo.

composizione con succulente e sugheroQueste succulente sono molto apprezzate per la facilità di coltivazione, alcune specie poi possono sopportare anche temperature molto rigide, e si possono quindi porre a dimora nel giardino roccioso.

Precedente Non solo rose per San Valentino Successivo La Calendula