La pianta di oggi: Orchidea phalaenopsis

La regina tra tutte le altre colleghe vegetali di categoria.

La  Phalaenopsis è un’orchidea sempreverde con foglie larghe, dense e succulenti, dai lati del vaso si possono formare radici aeree.

La pianta di oggi: Orchidea phalaenopsis
La pianta di oggi: Orchidea phalaenopsis

Le specie epifite hanno l’apparato radicale ricoperto da una composizione che ricorda la corteccia o del semplice trucciolato.

orchidea phalenopsis
Immagine di un’orchidea phalenopsis

Questa sostanza è utilissima per l’assorbimento dell’acqua ed in generale delle particelle di umidità. I fiori sono eretti o pendenti e presentano spesso delle ramificazioni, la forma è variabile.

Fiori Padova online
Orchidea Phalaenopsis bianca

Il nome Phalaenopsis significa “Orchidea simile a una farfalla“, rappresenta il genere di Orchidea più indicata per la coltivazione in casa.

Un’ottima scelta per tutti coloro che vogliono avvicinarsi al mondo delle Orchidee ed iniziare a coltivare questa passione.

La loro durata è perenne, ovviamente il fiore no, esso può raggiungere i 60-90 gg. di fioritura.

Questo genere di orchidee ha una fioritura molto bella e particolare, dai colori e dalle forme diversificate.

orchidee bianche
Orchidea Phalaenopsis bianca in una confezione invernale con legno e lichene

Sono da appartamento ed amano un clima caldo umido. Predilige essere esposta in zone molto luminose, se vive vicino ad una finestra, evitare che riceva i raggi diretti del sole.

Fiori Padova online
Tutte le orchidee di questo genere necessitano di un substrato particolare, che è possibile trovare in commercio già pronto, oppure, creare un miscuglio di radici di osmunda e sfagno o corteccia di pino o abete.

 

Mini orchidea su valigetta in stile shabby chic
Mini orchidea di Phalaenopsis su valigetta in stile shabby chic
Composizione di piante su cassetta legno
Composizione di piante con Phalaenopsis su cassetta legno

Il substrato va tenuto umido, poichè la pianta non dispone di organi deputati alla conservazione di liquidi (simili a bulbi) ma non zuppo, e fondamentale regola che vale per tutte le orchidee, evitare di lasciare dell’acqua nell’apice fogliare.

orchidea in vaso
 
Annaffiare abbondantemente nel periodo vegetativo, lasciando asciugare il substrato tra una somministrazione e l’altra. Diminuire gradualmente con il calare della temperatura. Più alta è la temperatura, maggiore deve essere l’umidità dell’aria che la circonda. l’acqua deve poter sgrondare liberamente senza depositarsi in eccesso. E’ opportuno far uso dell’acqua lasciata decantare dalla sera prima nell’annaffiatoio, quindi a temperatura ambiente.
orchidea a Natale con vaso lanterna di cera

Precedente Idee per un matrimonio ad Halloween Successivo Come i cake toppers fanno la differenza sulla torta nuziale